News Stories

GENEA LANZARA, ARRIVA IL SEDICENNE LUCA DI GIUSEPPE. E’ IL FIGLIO DELL’ EX NAZIONALE FABIO

luca di giuseppe

Si continua a guardare al futuro in casa Genea Lanzara. Il sodalizio presieduto da Domenico Sica è lieto di annunciare l’ arrivo del promettente sedicenne Luca Di Giuseppe, che ha avuto già modo di sostenere i primi allenamenti con i nuovi compagni di squadra.

Il giovanissimo atleta è il figlio di Fabio Di Giuseppe, che gli appassionati di pallamano ricorderanno negli anni passati con la casacca della nazionale italiana, vantando oltre settanta presenze, ed in particolar modo nelle fila del Siracusa dove ha conquistato due titoli italiani.

luca di giuseppeLuca Di Giuseppe, terzino classe 2003, ha disputato i suoi primi campionati giovanili con la maglia della ASD Olympia, formazione della provincia di Latina con la quale ha preso parte ai campionati U15 e U16 nelle stagioni 2016/17 e 2017/18 conquistando un secondo ed un terzo posto. Si è sempre contraddistinto per le sue doti fisiche e per la sua vena realizzativa, ben figurando su qualsiasi campo di gioco. Costretto, per infortunio, a lasciare il 40×20 nella passata stagione, Luca Di Giuseppe si è rimesso in gioco e sarà a disposizione del tecnico Manojlovic già a partire dai primi appuntamenti del mese di Gennaio.

” Siamo particolarmente contenti dell’ arrivo di Luca Di Giuseppe in squadra – dichiara Domenico Sica, presidente della Genea Lanzara – giovanissimo, dalle buone doti tecniche e fisiche, ha tanto margine di crescita ed è un atleta sul quale investire per il futuro. Sicuramente avrà bisogno di ritrovare il giusto ritmo dopo più di un anno di assenza dai campi di gioco, ma ha tutto il tempo per farlo e crescere insieme al resto della squadra, che lo ha accolto calorosamente sin dal primo allenamento. Ci aspetta una seconda parte della stagione ancor più ricca di impegni e ci auguriamo che, allenamento dopo allenamento e partita dopo partita, Luca ingrani le marce dandoci una grossa mano nel proseguimento di stagione “.

Leave a Reply